Vai al contenuto

24 maggio 2011

2

Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace

Gli alberi spettrali di Lanting

Oggi mi è capitato di vedere una foto molto particolare, tanto da sembrare un quadro, che mi ha lasciato un po’ perplesso: da un lato stupito dalla sua bellezza, dall’altro scettico sui miei criteri di selezione degli scatti. Forse ho troppa autocritica?

La foto in questione è quella che c’è qui a fianco ed è tratta da qui. Indubbiamente affascinante la duna illuminata sullo sfondo che crea molto contrasto con gli alberi morti in ombra del primo piano. Ciò che mi ha lasciato perplesso è il fatto che io, molto probabilmente, uno scatto del genere lo avrei scartato e addirittura non lo avrei neanche scattato preferendogli un’altra inquadratura, il che fa di me il mediocre fotografo che sono.

Secondo il mio spirito critico, almeno un paio di cose me l’avrebbero fatto non dico cestinare ma sicuramente non inserire tra i miei scatti migliori e sono l’albero al centro, che ha la cima tagliata, e quello sulla sinistra che ha buona parte del tronco fuori dal fotogramma. Probabilmente io avrei inquadrato, credo in in verticale, i due alberi al centro o uno degli altri due più staccati.

Gli stessi dubbi mi vengono quando vedo in giro foto altrui che vengono apprezzate nonostante, se le avessi scattate io, non sarebbero finite tra quelle che pubblico, magari perché la composizione non è il massimo o, come vedo spesso nelle foto di auto in pista, perché alcune parti del mezzo sono leggermente (talvolta anche abbondantemente) fuori fuoco o micromosse mentre per me il soggetto, in quei casi, deve essere perfettamente nitido e le avrei direttamente cestinate.

Ogni volta che vedo qualcosa del genere mi chiedo se io non sia troppo critico con la selezione, anche se questo mi risparmia di dover pubblicare centinaia di foto, che non è un male 🙂 Forse il cercare sempre l’inquadratura non banale, la foto “diversa” mi fa perdere di vista il fatto che le cose semplici “arrivano” prima. Non potrò mai fare il fotografo di reportage perché non pubblicherei neanche uno scatto.

Articoli simili:

Come taggare le foto
Perché usare Instagram?
Catalogare le foto: Picasa vs Lightroom
  1. Mag 24 2011

    Tiè… la risposta a tutto 😀

    http://www.cultorweb.com/foto/8.html

    Spesso molte foto… sono composte male.. non seguendo le giuste regole della fotografia… però risultano veramente belle 🙂 secondo me dipende dal proprio gusto personale… tutto sta li…

  2. Mag 24 2011

    Ho letto, comunque quello fa foto di stock e basta, quindi ha tutto il tempo di scegliere e allestire la location preparare i modelli… è un altro tipo di fotografia che peraltro non sarei in grado di fare. Quando stai a bordo pista con le auto che ti passano davanti per 1 secondo ogni 2 minuti non è che hai troppo tempo per allestire lo scatto 😀

    Sicuramente il gusto personale conta ma che una foto come http://www.nationalgeographic.it/fotografia/2011/05/12/foto/world_photography_awards_2001-330619/7/ o http://www.nationalgeographic.it/fotografia/2011/05/12/foto/world_photography_awards_2001-330619/10/ abbiano vinto un premio, sinceramente, mi lasciano basito, cavolo le due della categoria dilettanti sono molto più belle di qualsiasi di quelle dei professionisti. Non mi ricordo dove ho visto una foto di una mercedes in pista con inquadratura niente di che, dall’alto laterale tipo da sopra una tribuna, che aveva muso e mezzo posteriore mossi, roba che io cancello direttamente dalla fotocamera appena dopo lo scatto, e aveva un sacco di commenti esaltanti… bah 😀

Condividi ciò che pensi, scrivi un commento.

(required)
(required)

Nota: HTML è permesso. Il tuo indirizzo e-mail non sarà mai pubblicato.

Sottoscrivi i commenti