Vai al contenuto

21 agosto 2006

Il primo giro in bici

Ieri sera ho fatto il mio primo giro serio con la nuova bici, serio perché ci ero già uscito il giorno prima ma più che altro per iniziare ad adattarmici e soprattutto per abituarmi al pedale con lo sgancio rapido.

Quasi un’ora di bici e 15Km di strada con mio padre che mi seguiva con la mountain bike, quindi ogni tanto dovevo fermarmi ad aspettarlo. Per quanto possibile ho cercato di stare tra le 80 e le 100 pedalate al minuto, con una media finale di 85; per essere la prima volta sono abbastanza soddisfatto, la fatica alla fine si è fatta sentire e anche spingere un rapporto leggero come un 36/19 faceva faticare per tenere il ritmo. Ho affrontato anche un paio di salite (dei cavalcavia ferroviari) che a 70 pedalate/minuto erano pesanti anche con il 36/25: ne ho di strada da macinare ancora… sono appena agli inizi e tutto è faticoso ma non demordo.
Devo ancora abituarmi alla pedalata con il piede bloccato sul pedale, ero abituato a pedalare spingendo in basso e basta, come si fa con le comuni biciclette, ma con la bici da corsa si può pedalare spingendo e tirando, di fatto riducendo lo sforzo, facendo lavorare più muscoli e ottimizzando le energie.

La cosa più fastidiosa, comunque, non è tanto la fatica quanto il fastidio che provoca il sellino sotto al sedere, nonostante i pantaloncini imbottiti. Se non fosse per quello, che fa anche calare la concentrazione, potrei reggere sicuramente qualche Km in più. Appena tornato a casa non avevo le gambe doloranti ne ero particolarmente affaticato ma mentre ero in sella non vedevo l’ora di rientrare.

Oggi riposo, da domani sono fuori Roma quindi rimonterò in sella venerdi o sabato; devo cercare di andare in bici almeno 3 volte a settimana per trovare rapidamente un po’ di condizione prima dell’inverno che sicuramente non mi permetterà più di pedalare la sera dopo il lavoro a causa del buio e del freddo.

Leggi altro da Varie

Articoli simili:

Ho voluto la bicicletta...
Art. 143 C.d.S.
Il traffico creato dal nulla

Condividi ciò che pensi, scrivi un commento.

(required)
(required)

Nota: HTML è permesso. Il tuo indirizzo e-mail non sarà mai pubblicato.

Sottoscrivi i commenti